LA PAGANESE VISTA DA... NOCERA

LA PAGANESE VISTA DA... NOCERA | CON AGOVINO SI CHIUDE NEL PEGGIORE DEI MODI... PECCATO!

Alla fine s'è chiuso nel peggiore dei modi il rapporto tra la Paganese e il tecnico Massimo Agovino, soprattutto per quest'ultimo, esonerato al termine della gara con la Palmese, passata ieri in secondo piano. Ha perso un'ottima occasione l'ex tecnico azzurrostellato per completare l'opera di una stagione che ha avuto il merito, sino a sette giornate dalla fine, di fregiarsi di una luccicante medaglia su petto per il grande lavoro svolto sino alla gara con l'Andria e senza essere ipocriti influenzando anche la vittoria con la Palmese. Tra qualche spiffero e sentito dire, non conosciamo le reali motivazioni che hanno indotto il tecnico Agovino a chiudere i ponti con società, staff e calciatori appena dopo la sconfitta di Andria che sicuramente ha innescato la miccia dell'incendio, su cui però qualcosa covava già sotto la cenere in precedenza.

Un Massimo Agovino double face quello con cui ha dovuto confrontarsi la società: quello sul campo che ha dato risultati insperati e sorprendenti e quello che ha dovuto gestire fuori. Non erano passate inosservate, durante la stagione, le uscite poco felici che avevano già innalzato il muro contenitivo della dirigenza nei confronti del tecnico. Partendo dalle dichiarazioni dopo la vittoria all'esordio con il Barletta quando fece notare che quando era arrivato a Pagani mancava tutto, facendo storcere il naso ai dirigenti, oppure quando dopo il pari interno con il Manfredonia sbottò con i giornalisti per un'asticella che s'era alzata troppo, dovendo badare solo alla salvezza. Oppure quando dopo la gara di Coppa, persa con la Cavese reclamava rinforzi che non arrivavano tanto da farlo controllare a vista dai dirigenti durante le conferenze stampe poi annullate con la sua presenza, per alcune settimane nell'ultima parte del girone d'andata. Passando con l'uscita poco ortodossa contro il presidente Bruno del Rotonda, con uno stucchevole botta e risposta difendendosi sul suo profilo social scavalcando anche la comunicazione ufficiale della società, sino all'auto ammutinamento inviando certificati medici per un'intera settimana.

Sarebbe interessante capire la versione e le motivazioni che hanno spinto il tecnico Agovino a lasciare di punto e bianco la navicella azzurra, quando stava entrando nel porto salvezza. Un peccato ripeto lasciando monco un percorso importante con una squadra che ha un'impronta ed un'idea di gioco riconosciuta da avversari e addetti ai lavori. Ora ci si ricorderà dei certificati medici, mai successi nella storia della Paganese, che hanno certificato il suo esonero e la fine dell'avventura sulla panchina azzurra.

Peppe Nocera - paganesemania.it

Commenti

È UNA VITTORIA DI CARATTERE! NETTO 3-0 ALLA PALMESE
LA PAGANESE OPTA PER LA SOLUZIONE INTERNA: SUPINO PROMOSSO 1° ALLENATORE