CASA PAGANESE | LE ULTIME

ERRA NON PERDE IL SORRISO: "ESPERIENZA POSITIVA, SUL MERCATO SAPPIAMO COSA FARE"

11.08.2019 23:08

Alessandro Erra è rammaricato per il risultato dopo la sfida col Bari, ma allo stesso tempo non perde il sorriso per la prestazione organizzata della Paganese: "Fino a 24 ore fa eravamo in ritiro, siamo andati avanti con doppi allenamenti fino a venerdì e siamo in palese ritardo. La gara ci ha permesso di mettere benzina nelle gambe e mettere in mostra tanti ragazzi che si sono ben comportati al cospetto di una squadra fortissima e un ambiente favoloso. Un'esperienza positiva per noi, c'è rammarico per il risultato finale però ci interessava confrontarci con giocatori di un certo calibro. I miei ragazzi penso si siano fatti valere. Anche nella sofferenza, soprattutto nel secondo tempo, siamo stati in campo in modo corretto. E' un motivo di soddisfazione per noi, pensiamo ora al campionato. L'estate è stata difficilissima, c'è voglia di riscatto, siamo ripartiti con entusiasmo e slancio dopo la riammissione. La società vuole fare le cose in modo oculato, adottando una politica giovane che io ho sposato in pieno: possiamo fare un buon lavoro". 

Paganese che è tornata ieri dal ritiro di Gubbio e fra due settimane sarà già impegnata in campionato: "Il bilancio del ritiro è positivo, in particolare perchè chiudiamo senza infortuni: tranne Stendardo, siamo a pieno organico. Nel momento in cui ci andremo a completare, possiamo fare un buon lavoro. I ragazzi hanno lavorato con impegno, da domani guardiamo avanti". Chiusura sul mercato: "Ovviamente mi aspetto di completare la squadra quanto prima, non abbiamo fretta e non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Sappiamo cosa manca, dove incastrare i tre-quattro tasselli mancanti, con la società siamo sulla stessa lunghezza d'onda".  

Danilo Sorrentino
© Paganesemania - Riproduzione riservata

 

Commenti

BUONA PAGANESE AL SAN NICOLA, BATTUTA NEL FINALE DA UNA PRODEZZA DI ANTENUCCI
LA FIGC RIAMMETTE SOLO IL BISCEGLIE, CERIGNOLA FUORI. PRONTO IL RICORSO AL CONI?