L'ATTESA VISTA DA NOCERA

L'ATTESA VISTA DA NOCERA : OSARE PER CONTINUARE A SPERARE !

Peppe Nocera
09.02.2019 10:02

Brutta mazzata il suicidio tecnico perpretatosi domenica scorsa al Torre contro il Potenza che ha lasciato gli azzurri con un cerino in mano. La Paganese non riesce ad andare in doppia cifra, ma soprattutto non riesce a schiodarsi dall'imbarazzante ruolo di cenerentola del girone, che non ha mai vinto in casa. Una squadra che nel girone d'andata aveva stabilito tutti i peggiori record, ma che ora sta allungando un tabù che nella passata stagione fu sfatato il 28 gennaio contro l'Akragas. Eravamo alla seconda giornata casalinga del girone di ritorno, dunque anche quest'altro piccolo record negativo è stato infranto. Ma lasciamo stare le statistiche e guardiamo alla sostanza. Con un autentico colpo a sorpresa, ma giusto nella valutazione in chiave salvezza, la società cala un altro asso dalla manica del mercato degli svincolati. Dopo Stendardo, infortunato al momento, e Capece si affida, per tamponare le falle difensive riemerse contro il Potenza, a Dellafiore. Non ha bisogno di presentazione chi negli ultimi quindici anni ha militato tra A e B con circa 300 partite sulle spalle. Ovviamente bisogna valutare la condizione di un giocatore rimasto fermo negli ultimi sei mesi, allenandosi comunque con una squadra di serie D. Manca il ritmo partita, ma un professionista come l'ex centrale di Torino, Palermo, Parma per citare solo alcune delle squadre, in cui ha militato, è pronto a mettersi in carreggiata per dare il suo contributo di tecnica ed esperienza alla difesa azzurra.
Sinceramente non mi sarei aspettato un nuovo innesto di tale spessore, anche se - ripeto - le squadre così andrebbero fatte a giugno. In società avranno capito come, visto l'infortunio di Stendardo, non si sarebbero potuto giocare altre gare con una difesa ballerina che già aveva fatto molti danni. C'è voglia di salvarsi, e questo è un dato di fatto che va ascritto alla società, che avrà le sue colpe per come ha strutturato inizialmente la squadra ma che ora, con il mercato invernale, ha dato segnali di rivalsa.
Un trittico da brividi attende Scarpa e compagni, provenienti da due sconfitte consecutive, con le trasferte di Catanzaro e Catania inframmezzate dalla gara casalinga con il Monopoli. Oltre a Stentardo mancherà anche Cesaretti entrambi per una distrazione muscolare di primo grado che allunga le difficoltà a De Sanzo. Cesaretti, salito a quota 6 nella classifica dei cannonieri, attraversava un ottimo periodo di forma ma ora dovrà soffrire dai box. Momento molto delicato. Ancora una volta dovrà essere Scarpa, entrato nei primi cinque marcatori di sempre della storia azzurra, a caricarsi la Paganese sulle spalle per alimentare il sogno salvezza. A -9 dal Bisceglie, se il campionato finisse ora sarebbe retrocessione. Ma il campionato non è finito oggi, perciò nel covo delle aquile giallorosse si attende una Paganese pronta a dar battagia, sfuggire alle grinfie del rapace, semmai cercando di strapparle un risultato positivo per ripartire dopo i due ultimi stop.

Peppe Nocera
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

PAGANESEMANIA IN TV : STASERA ORE 2O.30 CH 71 TVOGGI
SCARPA D'ORO...BUON 50° CON LA PAGANESE !