L'ATTESA VISTA DA NOCERA

L'ATTESA VISTA DA NOCERA : SERVE UNA PAGANESE DA DERBY PER IL RISCATTO !

Peppe Nocera
01.02.2020 10:02

Ecco il derby ! Quale altra partita, poteva scuotere questa abulica Paganese, delle ultime tre uscite, e riportarla, speriamo, sulla via della vittoria. Manca da Monopoli e allora, scusate il gioco in tutti sensi, fu il Parco della Vittoria dove si croggiolò quella Paganese, poi scompasa nel tunnel delle gare con Sicula Leonzio, Viterbese e Francavilla. Ora la Cavese arriva al Torre, che forse martedì prossimo vedrà riaperti i battendi del settore distinti e sempre la prossima settimana, vedrà la luce del nuovo progetto della tribuna coperta, per ritrovare lo spiraglio di luce. Un altro passo falso aprirebbe la crisi e non ci voglio neanche pensare.

La formazione di Campilongo, arriva al momento giusto per toccare le corde degli uomini di Erra che  l'affronterà non con tutti gli effettivi a disposizione, viste alcune assenze come Panariello, Schiavino, Guadagni e le non perfette condizioni di Mattia, Caccetta e Perri. Ma è comunque la partita giusta, quella che ti può far svoltare, quella del riscatto, che ti può far risalire dal limbo, dove s'è scivolati nell'ultimo scorcio di campionato. Ci vorrà, come ha detto il tecnico azzurro : " Una Squadra agguerrita, battagliera" mi bastano questi due aggettivi per sintetizzare cosa vorrebbero vedere i tifosi. Serve una Paganese diversa dalle ultime uscite, ma soprattutto di testa, con lo spirito di chi sa che non può fallire, perchè i derby si vincono di testa e di cuore, prima che di gambe. Erra vuole vedere una Paganese che stringa i denti e lasci tutto sul campo, che superi le difficoltà e che chi subentrerà, non faccia rimpiangere gli assenti. La tattica se la porta via il vento in queste partite:

 All'andata assistemmo ad una Paganese apatica e con il freno tirato, mentre la derelitta Cavese del momento, con proprio Campilongo alla'esordio, si fece preferì non tanto per il gioco ma per come interpretò la gara. Questo vorrei vedere in campo dagli undici azzurri. Tutto il resto è aria fritta. S'è chiuso anche il mercato che per la Paganese non s'è mai aperto, la società ha ritenuto e penso anche il tecnico, che questo gruppo non avrebbe avuto bisogno di qualche rinforzo. Solo il campo ci dirà il contrario. Il campo intanto oggi dovrà dire se la Paganese è pronta ad evitare sofferenze oppure a precipitare pericolosamente verso il basso.

La storia dice che non battiamo la Paganese al Torre da tredici anni, l'ultima volta fu Scarpa, il 2 dicembre 2007, prima a farci imprecare, con il rigore fallito,  poi a farci gioire sotto la Curva Nord fresca d'inaugurazione. Il derby con la Cavese si gioca dalla stagione 1948-'49 e da allora sono stati disputati 59 incontri: 26 vittorie della Paganese contro le 19 della Cavese oltre a 14 pareggi. Sarà un derby privo di un Nobile Tifoso, Paolo Saturno, fondatore nel 1970 del Circolo " Amici della Paganese " in p.zza Municipio alla cui famiglia va tutta la nostra vicinanza. E' scomparso in settimana, dopo aver combattutto, invano, contro un male incurabile, come incurabile era un'altra sua malattia che lo attanagliava da sempre: L'amore per la Paganese. Vinci anche per Lui ! 

Commenti

PAGANESE "AMMACCATA", MA ERRA NON DEMORDE: "DAREMO IL MASSIMO"
TERZO 0-0 DI FILA IN CASA, MA CON PIU' RIMPIANTI