LE SFIDE DEL PASSATO

DOPPIA RIMONTA PAGANESE NEGLI ULTIMI DUE PRECEDENTI AL TORRE CON L'AVELLINO

A distanza di sei anni e mezzo, sempre Scarpa protagonista nelle due rimonte azzurrostellate

Danilo Sorrentino
10.11.2020 16:11

L'Avellino in vantaggio a fine primo tempo, la Paganese la ribalta nella ripresa. Sono andati esattamente così gli ultimi due incontri fra azzurrostellati e biancoverdi allo stadio Marcello Torre. A distanza di sei anni e mezzo l'uno dall'altro. Oggettivamente incredibile - ancora adesso - quello della stagione 2012/2013, l'esaltazione del gruppo e dell'ambiente quello della passata stagione. Due gare diverse, ma con un unico comune denominatore: Francesco Scarpa.

POKER STORICO - Evidentemente quel campionato fu quello dei poker nei derby. Dopo aver rifilato quattro reti alla Nocerina nella partita d'andata, la Paganese di Grassadonia s'impose con lo stesso risultato anche al Torre contro l'Avellino, agli inizi del girone di ritorno. All'andata era finita 1-1 al Partenio, con i liguorini anche in quell'occasione costretti a rincorrere e a rimontare. Nel primo Monday Night di gennaio, invece, l'Avellino cercava punti pesanti verso la B e la Paganese voleva rientrare in un discorso diverso, senza poi riuscirvi. Angiulli portò in vantaggio i lupi nel finale di primo tempo, davanti alle telecamere di Rai Sport e sotto una pioggia battente. Nella ripresa lo show degli azzurrostellati, trascinati da Scarpa (subentrato all'intervallo a Tortori che era stato il migliore dei suoi) e da Caturano, entrambi autori di una doppietta. Al termine di quella stagione l'Avellino volò meritatamente in B, alla Paganese sono ancora rimasti i rimpianti per quello che poteva essere e non è stato.

RIMONTA SOTTO LA NORD - Stesso copione l'anno scorso, sebbene Avellino e Paganese avessero gli stessi obiettivi e più o meno la stessa posizione di classifica. Irpini avanti dopo circa un quarto d'ora grazie alla rete di Charpentier, azzurrostellati bloccati per 45' e salvati da uno strepitoso Baiocco che evitò il raddoppio ai lupi. Nel secondo tempo, gli ingressi di Scarpa e Perri cambiarono la partita. Il capitano prima realizzò di testa il gol di pareggio, poi confezionò l'assist al terzino ricambiando il favore che fa 2-1 all'87' sotto la Curva Nord. A completare la serata il primo gol in maglia azzurrostellata di Calil.
Anche in Coppa Italia le due squadre si erano affrontate, in quella che fu una sorta di amichevole per due squadre partite in ritardo. Finì 2-2 con l'Avellino due volte in vantaggio e due volte ripreso: ad Alfageme e Celjak risposero Diop e Mattia.

Danilo Sorrentino
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

#LOSAPEVICHE: L'AVELLINO FORMATO TRASFERTA, LA BESTIA NERA SCARPA E SANTANIELLO. 3 CURIOSITA' SU PAGANESE-AVELLINO
ERRA PER LA CONTINUITA': "RISULTATO POSITIVO CON L'ATTEGGIAMENTO DELL'ULTIMO MESE"