L'ARCHIVIO RACCONTA

L'ARCHIVIO RACCONTA: DOMENICA LA "PRIMA" VOLTA A PAGANI DEL TERAMO

Peppe Nocera
28.02.2020 21:02

Domenica per la seconda volta nella sua storia, il Teramo calcio fu fondato il 25 agosto del 1929 anche se già nel 1913 ci furono i primi vagiti di calcio in città, i biancorossi saranno di scena a Pagani. La formazione abruzzese è un abituè della serie C e incrociò la Paganese nell'unica volta, prima della stagione attuale, nel campionato di C1, il primo della storia della federcalcio italiana, 1978-'79. Il Teramo usufruì, come la Paganese, della riforma dei campionati vigenti nella stagione 1977-'78, infatti chi si piazzava dal secondo al dodicesimo posto, i biancorossi chiusero al settimo, avrebbe avuto il pass per la neo C1 della stagione successiva. Fu inserito nel girone B, quel Teramo, nella foto della figurina Panini dell'epoca, allenato da Maurizio Bruno che si piazzò al nono posto.

Era il Teramo del portiere Sergio Buso, in precedenza numero uno del Padova in A oltre al Bologna, con cui vinse una coppa Italia nel 1975, di cui fu anche allenatore, e al Cagliari di Gigi Riva ma anche del difensore Garzilli, che diventerà poi una bandiera della Cremonese in A con 358 presenze e dei bomber Pulitelli e Simonato. A differenza di quel Teramo, la Paganese in quella stagione chiuse ultima, retrocedendo in C2 ma risalendo appena un anno dopo. Era la Paganese che con Rambone non ripetè l'exploit di due anni prima, nonostante una squadra di valore sulla carta, complice anche la pesante squalifica del Comunale, per undici giornate, dopo l'invasione di campo nella gara con la Reggina. Curiosamente domenica, per la prima volta, il Teramo metterà piede sul terreno paganese, perchè quel 30 dicembre del 1978 si giocò, per la terza giornata di squalifica, al Comunale di S.M.Capua Vetere.

In quella funesta stagione, gli azzurrostellati vinsero solo cinque partite, con il Catania, L'Empoli, Il Chieti, la Turris e appunto il Teramo.Gli azzurri provenivano da una doppia sconfitta consecutiva, guarda un pò, da quella "casalinga " sul neutro di Avellino, nel derby con la Salernitana 0-1, con Zenga portiere dei granata che parò un rigore a Iannucci, e quella a Latina sempre di misura. La Paganese vinse per 1-0 con una rete, dell'ex calciatore del Napoli, Sandro Abbondanza che una volta mio ospite nella trasmissioen Azzurrissima a Telenuova mi disse: " Ancora oggi non mi capacito come quella Paganese retrocesse, era una buona squadra per la serie C, con gente come Sorrentino tra i pali, Leccese, Di Giaimo, Lomonte, Grassi, Iannucci".

Commenti

PROBLEMA GOL PER LA PAGANESE, IN RETE SOLO IN DUE GARE NEL 2020
VIDEO | ERRA PER IL RISCATTO: "VOGLIO UNA RISPOSTA DOPO AVELLINO"