LA PARTITA DEL TIFOSO

LA PARTITA DEL TIFOSO - ECCO COME E' NATO IL SECONDO GOL...

Il nostro Alberto Cesarano ci racconta il dialogo fra Benedetti e Guadagni in occasione del raddoppio

Redazione
26.10.2020 18:10

Gooooooooooooooooooooooollllllllllllllllllllllllllll!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Mi scuserete, miei cari, ma sto ancora urlando per quel bellissimo gol di Diop, a coronamento di una perfetta azione della Stella! Quel gol, oltre a essere bellissimo, ha messo la nostra partita in discesa e ci ha subito dato l’impressione che quella di domenica sarebbe stata una bella serata. Così è stato e siamo tutti più sereni e ovviamente più contenti.

Bravi tutti! Così si dice in questi casi e io non voglio essere da meno.

Domenica siamo stati equilibrati, compatti, concentrati, cinici e cazzuti (si può dire “cazzuti”?! Eh, ormai l’ho detto! O meglio, ormai l’ho scritto). E se tra voi c’è qualcuno abituato a sciacquare i panni in Arno, sono a spiegarvi cosa voglio intendere con “cazzuto”. Tutti voi avete visto l’azione del secondo gol: punizione di Guadagnino, regalone del portiere avversario (puozz ‘sta bbuon cient’ann) e gol di Sbampato che si trovava bello bello in piena area di rigore. Ma solo i bene attenti (come il sottoscritto, ‘s capisc) hanno visto cosa è accaduto dieci secondi prima del gol.

E vi dico subito che quella che sto per raccontare è una triste pagina di calcio, condita da prevaricazioni, razzismo alla rovescia e il lieto fine che non viene mai per le persone buone e mansuete:

Punizione per noi, dalla destra e Benedetti che si accinge a battere.

A quel punto si avvicina Guadagnino (robba di Brusciano): “Uè e tu ch faij cca’?

Benedetti (natio di Assisi): “Sono in procinto di battere la punizione, fratell’ piccolo attaccante”.

Guadagnino: “Liev’t a lloc oì! La tico forte n’guoll al portiere e vedimm che succer…

Benedetti: “Ma no, fratell’ piccolo attaccante. La tiro io, vedrai che la tiro giusto sul capo di fratell’ Schiavino che segnerà e saremo tutti più felici e ci sarà gioia, fratellanza e serenità. Trascorreremo così una serena domenica notte e tu farai tanti bei sogni. Dai, non fare così, non essere prevaricatore e sii docile…

Guadagnino: “Do’??

Benedetti: “Docile!

Guadagnino: “Docile, vabbuò. Fatt lla’. La tico forte n’guoll al portiere e vedimm che succer…

Benedetti: “Perché indurre in errore fratell’ portiere avversario?! Lo sai che non è bello e non è giusto

Guadagnino: “Non è bello e non è giusto mang’ che perdimm pur staser! Accort ‘a ribbattut, va’

Benedetti: “Va bene, come vuoi, fratell’ piccolo attaccante. Pace e bene…

Benedetti si allontana, Guadagnino tira una bordata con tutta la cattiveria che c’è in lui e il resto è storia.

Poi controlliamo bene la partita. Bravo Campani. Bravo Squillace. Bravo Bonovolontà che ha segnato: alla faccia mia!!!!

Alberto Maria Cesarano
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

IN PUNTA DI PEPE - IL RACCONTO (DAL VIVO) DELLA PRIMA VITTORIA IN CAMPIONATO
GIUDICE SPORTIVO: BONAVOLONTA' ENTRA IN DIFFIDA. COL TERAMO FISCHIA GALIPO'