LA PARTITA DEL TIFOSO

LA PARTITA DEL TIFOSO, NUMERO ZERO. LE TRATTATIVE LUNGHE ED ESTENUANTI...

Redazione
23.08.2017 20:08

Carissimi amici (soprattutto amiche) e carissimi tifosi (soprattutto tifose) della Stella: “nuntio vobis gaudium magnum”. Sì, perché anche quest’anno, per la vostra gioia, proverò a cantarvi le gesta della nostra amata squadra di calcio! Lunga, estenuante e a tratti sfiancante è stata la trattativa che ha portato al mio agognato rinnovo con PaganeseMania. Sapete, le mie non erano pretese assurde. Ero convinto che, dopo una buona annata, meritassi un riconoscimento (oltre alla riconoscenza) e ho provato così a fare valere le mie ragioni. Dopo lunga trattativa, dicevo, siamo finalmente riusciti a trovare un punto d’incontro e il contratto mi è stato leggermente ritoccato: oltre alla pizza margherita e a una birra Peroni a temperatura ambiente (da 33 ml, che credete?!), sono riuscito a strappare, dalle avide mani del tesoriere, un fritto misto all’italiana. E per la gioia di tutti, quindi, posso finalmente rendere ufficiale il mio rinnovo! Del resto, era volontà di entrambi le parti arrivare a una felice conclusione della trattativa. Con voi devo essere onesto: le alternative non mi mancavano. Potevo prestare la mia opera anche altrove, senza magari spostarmi più di tanto dalla mia Pagani, solo scendendo leggermente più a Sud, di un paio di km. Sapete, non mi andava di scendere di categoria, volevo fortemente restare nei professionisti. E pensare che hanno fatto di tutto (gli altri) per avermi con loro, ma io no, volevo fortemente PaganeseMania e quelli (sempre gli altri) a ripetermi: ”La storia siamo noi…” e io, imperterrito a ripetere loro: "La tua storia, te la puoi anche..."

Ma veniamo al presente…. La nostra campagna acquisti è evidentemente ispirata alla parabola del ‘figliol prodigo’. Tanti sono stati i ritorni, questa estate. Dalla prima gioia, quella di poter riabbracciare il capitano Fabio De Sanzo, tornato nel posto dove deve stare. Come presentare De Sanzo ai più piccini che non lo hanno visto giocare? Ehm… Ci sono! Avete presente quando si dice ‘giocare di fioretto oppure giocare di sciabola’? bene, Fabio De Sanzo giocava con la clava! Poi il ritorno di un eroe moderno per noi: Ciccio Scarpa! Quanti ricordi e quante emozioni: vittorie di campionato, salvezze insperate, doppiette mortificanti a quelli che: “La storia siamo noi…” (e qui gli storici che si schiattano dalle risate). Bentornati a entrambi.

Bentornato a: Imperio Carcione, uno dei centrocampisti più bravi che abbia visto giocare e non parlo solo della Paganese. Personalmente non mi sono del tutto dimenticato di quanto accaduto lo scorso anno ma sono sicuro che mi ci indurrà lui, con le sue giocate; Pietro Baccolo, un altro calciatore che a me piace tantissimo. Sono rimasti anche: Tascone, uno che dà l’impressione si essere ‘solo’ un centrocampista di rottura e un guerriero ma è un calciatore completo e talentuoso; Picone che quest’anno saprà rendere ancora di più, dopo l’anno di esperienza. E poi, in molti lo sanno, è il mio beniamino!; Della Corte, che con il rinnovo per altri tre anni sarà una delle nostre future bandiere. In generale, credo che sia stata allestita un’ottima squadra, con tanti buoni giovani e un paio di colpi importanti, come Cesaretti, Regolanti, per non dire di Fabinho. Questo qui, quando ritornerà in forma, ci farà arricriare, ne sono sicuro! 

La cosa però più importante è l’evidente segnale di discontinuità che la società ha dato. Ci siamo lamentati, per il passato, dell’assenza di un progetto a lungo termine, che dovesse necessariamente passare, così da creare un potenziale per il futuro, sia da un punto di vista patrimoniale sia tecnico. Bene, adesso anche questo è stato fatto. La società ha fatto tanto, ha accontentato anche i tanti espertoni e criticoni che non mancano mai. Credo sia venuto il momento di ricambiare e dimostrare di non essere solo bravi a puntare il dito accusatore, a volte con malizia se non con un tratto d’ingiustificata cattiveria. Ahimè, i dati sono sempre gli stessi: neanche cento abbonamenti sottoscritti, tante critiche a priori condite da neanche tanto velate minacce di disertare il ‘Torre’ (disertare lo stadio? Ma se già non ci viene nessuno da anni?!), ancora un morboso attaccamento a squadre che non ci rappresentano per nulla e che possiamo seguire solo davanti alla tv, con il deretano ben riposto su di uno scomodissimo (lo spero tanto per voi) divano. Venite allo stadio e mostrate gratitudine a chi ci ha tolo da un oblio durato decenni, regalando ad altre generazioni gioie e soddisfazioni mai provate prima. Raffaele Trapani, sei un grande presidente ma a volte mi viene da pensare: “Ma chi te lo fa fare?!”.

Però me la fate chiedere ‘na cosa?: ma quanto ci vuole a prendere un difensore? Sono le 20 di mercoledì 23 agosto e tra tre giorni abbiamo già giocato la prima di campionato (salvo sciopero che a questo punto auspico). Servono due difensori centrali, questo lo sanno tutti ma almeno uno lo vogliamo prendere per sabato? Io ero abituato a spandecare fino all’ultimo minuto dell’ultimo giorno di calciomercato, per fare l’acquisto sensazionale che di solito era un attaccante! A questo punto, a meno che non dobbiamo pigliare Bonucci e Thiago Silva… ma quanto cui vuole ancora? 
Difensori sì o difensori no (e spero proprio di sì), io sabato sera sarò al mio solito posto, accompagnato dai miei soliti, irriducibili compagni di viaggio, al fianco, della Paganese, vanto e gloria della nostra derelitta città. Voi altri non fate chiacchiere che sanno di scuse e ipocrisia, non fate quelli con la puzza sotto il naso, quelli col palato fine: venite allo stadio!! Infine, lasciatemi rivolgere un ‘in bocca al lupo’ al nostro nuovo condottiero: mister Matrecano. La squadra, così come il suo lavoro, sarà giudicabile tra un po’. Ho avuto modo di ascoltarlo dal vivo e scambiarci poche, fugaci impressioni ma ho la netta sensazione che ci siamo affidati a una persona perbene, capace e con grande voglia di arrivare, così come tutta la società. Diamogli tempo, tutti noi, lasciamolo lavorare con calma e attendere la squadra al completo prima di giudicare il suo operato.

Buon campionato a tutti…

Alberto Maria Cesarano
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

LEGA PRO, VIA LIBERA ALLE CINQUE SOSTITUZIONI. E L'AIC CONFERMA LO STATO DI AGITAZIONE
CENTRALI, SI STRINGE IL CERCHIO: CARINI E MARINO QUASI AZZURROSTELLATI