REWIND

REWIND - DALLA SERIE A ALLA PAGANESE: LA STORIA (SCONOSCIUTA AI PIU') DI VASCO TAGLIAVINI

18.10.2017 09:10

Le storie del calcio si intrecciano spesso, proprio come quelle della vita. C’è un difensore con un importante trascorso in Serie A, poi divenuto allenatore anche della nazionale di calcio a 5, che accomuna la storia della Paganese e del Rende. Il suo nome è Vasco Tagliavini, forte difensore centrale degli azzurrostellati nel 1970, allenatore del Rende nella stagione 1985/1986. Solo la proverbiale manìa di Peppe Nocera, alla vigilia della sfida con il Rende, poteva scovare, incrociando le storie delle due compagini, una chicca storica di questa portata, ancora più attuale perché Tagliavini ha festeggiato proprio ieri il suo ottantesimo compleanno.

Inizio campionato 1970/1971, la Paganese del presidente Attilio De Pascale, con Guido Gratton allenatore, nell’allestire la squadra per il campionato di Serie D, annuncia l’arrivo a Pagani di Vasco Tagliavini, un difensore centrale cresciuto nelle giovanili dell’Inter, conosciuto al grande pubblico per le sue 170 presenze in massima serie con le maglie proprio di Inter, Udinese e Foggia. Tagliavini giunge a Pagani per guidare il reparto arretrato assieme a una promessa del calcio italiano, Mauro Della Martira che dopo qualche anno giocherà in Serie A con la maglia della Fiorentina. La Paganese termina quel campionato al terzo posto in classifica, dopo un cambio di guida tecnica che porta Giacomino De Caprio in panchina al posto di Guido Gratton.

L’anno di Vasco Tagliavini in azzurrostellato – e qui arrivano le chicche sfuggite anche alle biografie on line del calciatore – si conclude con 20 presenze e un gol. Una rete rimasta impressa nella memoria collettiva: il pareggio del 2-2 a tre minuti dalla fine del secondo tempo nella memorabile trasferta di Ischia, quella del mare forza nove con i segnalinee che non riuscirono ad arrivare per tempo al campo sportivo. Quello di Tagliavini resta, con ogni probabilità, l’unico ricordo dei paganesi in trasferta in terra ischitana che, a causa del cattivo tempo, riuscirono ad arrivare al campo giusto in tempo per assistere alla rete del pareggio.

Cresciuto nelle giovanili dell’Inter, difensore dei nerazzurri tra il 1957 e il 1960, Tagliavini è conosciuto per la sua esperienza in Serie A (170 presenze) con le maglie di Inter, Udinese (la squadra in cui cominciava a giocare un promettente portiere di nome Dino Zoff) e Foggia e per aver allenato la Nazionale italiana di calcio a 5 nei primissimi anni Novanta. Dopo aver appeso le scarpette al chiodo, Tagliavini intraprende la carriera di allenatore che lo porterà a guidare anche il Rende in serie C2 nella stagione 1985/1986 prima di approdare nel mondo del calcio a 5 dove, nel 1991/1992 sarà allenatore della Nazionale italiana.

Barbara Ruggiero
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Le foto di Tagliavini con Meazza e con Pelè sono prese dalla sua autobiografia

Commenti

TROFEO "SALVATORE FRANCAVILLA": E' REGOLANTI IL MIGLIORE DI PAGANESE-VIRTUS FRANCAVILLA
RENDE-PAGANESE AFFIDATA A MORICONI DI ROMA 2