ADDIO GINO PAESANO, IL "BUM BUM" DEL GOL

Peppe Nocera
23.10.2018 19:10

La notizia della tua improvvisa e prematura scomparsa, a 49 anni, è stata come un tuo imperioso colpo di testa. Questa tragica notizia ha lasciato di stucco, così come restavano i portieri avversari di fronte alle tue bordate imprendibili. Ti conobbi che avevamo quasi la stessa età, quando arrivasti alla Real Paganese, nel dicembre del '97, dove ricoprivo il ruolo di addetto stampa. Era il campionato d'Eccellenza che quella Real Paganese del presidente Campitiello cercava di far suo dopo la beffa dell'anno prima. Il mandato di scovare il bomber da affiancare ai vari Perrone e Santaniello fu affidato al ds Carlo Vitiello che incontrerai, purtroppo troppo presto, per fare qualche chiacchierata su un calcio diverso da quello in cui giocavi tu. Un calcio che però ti ha accompagnato sino all'ultimo respiro, ieri sera, quando eri ancora su un terreno di gioco per inseguire, anche a livello amatoriale, il tuo sogno. L'esperienza alla Real Paganese fu condita da 15 presenze e 11 reti: come sempre aveva visto bene il buon Carlo Vitiello. L'avventura a Pagani la inaugurasti con un gol contro la Virtus Pompei, nella città degli scavi, quasi allo scadere, pareggiando una gara ostica contro una realtà di quella stagione. In questa foto che ho scelto per ricordarti - eri simpaticissimo anche se la tua stazza imponeva una certa sudditanza - sei di spalle con il numero nove, per ricevere a San Marzano l'applauso dei tifosi azzurrostellati: era il 15 febbraio del 1998. Avevi appena realizzato una doppietta che avrebbe propiettato la Real sempre più all'inseguimento della capolista Sorrento. Chiudesti quella stagione con la tripletta in casa rifilata al G.Carotenuto, nel 5-0 finale di quel 10 maggio del '98. Il campionato lo vinse il Sorrento, quella Real giunse ancora una volta seconda, a pari merito con la V.Palmese. Serviva uno spareggio per decretare chi potesse accedere agli spareggi promozione. Si disputò a Benevento e la formazione rossonera prevalse ai rigori, dopo un pirotecnico 3-3. Uscisti malconcio dalla sfida per un colpo subito al 34' del primo tempo. Gara stregata, come la tua ultima partita. Buon Viaggio "Bum Bum" Paesano, come ti chiamava Rino Sorrentino quando faceva le teclecronache della Real Paganese e tu infilavi di prepotenza i portieri avversari.

Peppe Nocera
© Paganesemania - Riproduzione riservata

Commenti

SEMPRE LUI, ANCORA LUI, SOLO LUI... CAPITAN SCARPA!
L'ATTESA VISTA DA... NOCERA: A BISCEGLIE PER RIACCENDERE LA SPERANZA